• Federica Negro

The Keto Diet

A ketogenic diet primarily consists of high fats, moderate protein and very low carbohydrate intake. The dietary macronutrients are divided into 55-60% fats, 30-35% protein and 5-10 % carbs. Specifically, a 2000 kcal diet will contain 20-50 grams of carbs.


The ketogenic diet was firstly used in 1921 to treat epilepsy; it has been widely used to treat epilepsy until its popularity ceased with the introduction of antiepileptic agents. The resurgence of the ketogenic diet as a rapid weight loss regime is a relatively new concept the has shown to be quite effective, at least in the short run. Along with weight loss, other health parameters can improve on a ketogenic diet such as insulin resistance, high blood pressure and elevated cholesterol and triglycerides.


How does it work?

When the body is deprived of carbohydrates, which are the primary source of energy, due to reducing intake to less than 50 grams, insulin secretion is significantly reduced and the body enters a catabolic state, which means that the body needs to break down bigger molecules into smaller ones to produce energy. The metabolic process that comes in action when there is low carbohydrate availability is called ketogenesis. Ketogenesis provides an alternate source of energy in the form of ketone bodies that are produced from stored fats. Ketone bodies can be easily utilized as a form of energy by heart, muscle tissues and kidneys; they can also cross the blood-brain barrier to provide energy for the brain. Ketone bodies also decrease free radical damage and increase the antioxidant capacity of the cells.


Why keto diet is good for fat loss?

During ketogenesis, the stimulus for insulin secretion is also very low, reducing the stimulus for fat storage. Other hormonal changes that come from ketogenesis contribute to the increased breakdown of fats.


Adverse effect

Following a ketogenic diet can be hard to maintain; possible symptoms from carb deprivation can last from days to weeks. The most common short-term side effects are nausea, vomiting, headache, fatigue, dizziness, insomnia, difficulty in exercise tolerance, and constipation. Along with these uncomfortable feelings, staying satisfied with the limited variety of foods available and being restricted from otherwise enjoyable foods like may present new challenges.

Long-term side effects include fatty liver and kidney stones.


What can we eat on a ketogenic diet?

Many versions of ketogenic diet exists, but all ban carb-rich foods. Foods that are excluded include refined and wholegrains like breads, cereals, pasta and rice, potatoes, corn and other starchy vegetables, beans, legumes and most fruits.

Most ketogenic diets include foods high in saturated fats like bacon and unsaturated fats such as nuts, seeds, avocado and oily fish.



La dieta chetogenica consiste principalmente di grassi elevati, proteine ​​moderate e assunzione di carboidrati molto bassa. I macronutrienti alimentari sono suddivisi in 55-60% di grassi, 30-35% di proteine ​​e 5-10% di carboidrati. In particolare, una dieta da 2000 kcal conterrà 20-50 grammi di carboidrati.


La dieta chetogenica fu inizialmente utilizzata nel 1921 per il trattamento dell'epilessia; è stato ampiamente usato per trattare l'epilessia fino a quando la sua popolarità cessò con l'introduzione di agenti antiepilettici. La rinascita della dieta chetogenica come regime di dimagrimento rapido è un concetto relativamente nuovo che ha dimostrato di essere abbastanza efficace, almeno a breve termine. Insieme alla perdita di peso, altri parametri di salute possono migliorare una dieta chetogenica come l'insulino-resistenza, ipertensione e colesterolo e trigliceridi elevati.


Come funziona?

Quando il corpo è privato di carboidrati, che sono la principale fonte di energia, a causa della riduzione dell'assunzione a meno di 50 grammi, la secrezione di insulina viene significativamente ridotta e il corpo entra in uno stato catabolico, il che significa che il corpo ha bisogno di scomporre molecole più grandi in quelli più piccoli per produrre energia. Il processo metabolico che entra in azione quando la disponibilità di carboidrati è bassa si chiama chetogenesi. La chetogenesi fornisce una fonte alternativa di energia sotto forma di corpi chetonici prodotti da grassi immagazzinati. I corpi chetonici possono essere facilmente utilizzati come forma di energia da cuore, tessuti muscolari e reni; possono anche attraversare la barriera emato-encefalica per fornire energia al cervello. I corpi chetonici riducono anche il danno dei radicali liberi e aumentano la capacità antiossidante delle cellule.


Perché la dieta cheto fa bene per la perdita di peso?

Durante la chetogenesi, lo stimolo per la secrezione di insulina è molto basso, riducendo così anche lo stimolo per l'accumulo di grasso.


Contro:

Seguire una dieta chetogenica può essere difficile da mantenere; i possibili sintomi della deprivazione di carboidrati possono durare da giorni a settimane. Gli effetti collaterali a breve termine più comuni sono nausea, vomito, mal di testa, affaticamento, vertigini, insonnia, difficoltà nella tolleranza all'esercizio fisico e costipazione. Insieme a queste sensazioni spiacevoli, rimanere soddisfatti della limitata varietà di cibi disponibili ed essere limitati da cibi altrimenti piacevoli come potrebbe presentare nuove sfide.

Gli effetti collaterali a lungo termine includono fegato grasso e calcoli renali.


Cosa possiamo mangiare con una dieta chetogenica?

Esistono molte versioni della dieta chetogenica, ma tutte vietano gli alimenti ricchi di carboidrati. Gli alimenti esclusi includono cereali raffinati e integrali come pane, cereali, pasta e riso, patate, mais e altre verdure amidacee, fagioli, legumi e la maggior parte della frutta.

La maggior parte delle diete chetogeniche includono cibi ricchi di grassi saturi come pancetta e grassi insaturi come noci, semi, avocado e pesce azzurro.

10 views

+61 401920324

Bondi Junction NSW 2022, Australia

©2019 by The Nutrizionista. Proudly created with Wix.com